La mappa dei glicini in Valsamoggia

Avete mai sentito parlare della mappa dei glicini?

A Bologna, la Fondazione Villa Ghigi, ha realizzato all’interno dell’iniziativa Diverdeinverde Off, una mappa dal nome “Dove fioriscono i fiori”. In questa mappa sono indicati gli indirizzi dei luoghi dove poter ammirare, tra la fine di aprile e i primi giorni di maggio, i glicini in fiore.

Conoscete il glicine?

I glicini sono piante rampicanti e fanno parte della famiglia delle Leguminose. Hanno il fusto legnoso e posso raggiungere anche dimensioni molto grandi. Le foglie hanno forme ovali più o meno allungate mentre i fiori sono riuniti in infiorescenze a grappolo; alcuni fiori sono lunghi alcuni decimetri, ma certe varietà il grappolo di fiori può superare il metro di lunghezza.

Oltre al tradizionale color violetto dei fiori, alcune varietà presentano infiorescenze bianche, rosate o porpora. Il profumo dolce e intenso dei fiori, portò i botanici di un tempo ad attribuire i glicini al genere Glycinia (dal greco glikis, dolce).

Questa pianta proveniente dagli Stati Uniti Orientali, sbarcò a Londra nel 1724 e da allora questi glicini, insieme alle due specie asiatiche giunte in Europa negli anni a seguire, furono introdotte nei parchi e giardini d’Europa.

Il più vecchio esemplare di glicine in Europa fu piantato nei Kew Gardens di Londra e ancora oggi lo si può ammirare.

Le due specie asiatiche più comuni e conosciute sono la W. sinensis (di origine cinese) che cresce arrimpicandosi sui muri e sulle pergole, fino a raggiungere  altezze superiori anche ai 10 metri, e la  W. Floribunda (di origine giapponese), pianta meno rigogliosa ma più resistente al freddo.

Come riconoscere le due specie?
La differenza si trova sia nel diverso sviluppo del fusto che nella fioritura. Nella pianta  cinese, W. sinensis il fusto si avvolge a spirale in senso orario e la fioritura precede l’emissione delle foglie con i fiori che si schiudono quasi contemporaneamente. Nella pianta giapponese W. floribunda il fusto cresce in senso antiorario e l’apertura dei fiori avviene gradatamente dalla base alla sommità del grappolo.

Nel mondo sono presenti alcuni alberi centenari, una pianta si trova in California dove dal 1918 ogni anno viene festeggiata con il Festival del Glicine, mentre in Giappone esiste un esemplare, nelle vicinanze di Kasukabe, che si presume abbia 1200 anni circa.

La mappa dei glicini

Sul sito di Diverdeinverde Off, è possibile vionare la mappa dove, con punti a forma di fiore, sono indicati i luoghi dove si possono ammirare queste bellissime piante. Questa mappa è nata grazie alle segnalazioni delle persone che hanno partecipato a questa iniziativa; unica condizione per essere inseriti nella mappa è che la pianta sia visibile dalla strada e che vi sia un indirizzo con un numero civico.

MAPPA

Chiunque lo desideri potrà scegliere il suo tragitto da percorrere in autonomia. Noi, grazie a questa mappa, abbiamo deciso  di andare alla scoperta di piante presenti nel nostro comune, la Valsamoggia e nello specifico siamo andati alla ricerca dei glicini di Monteveglio.

Vi mostriamo alcune foto..

Se vivete a Bologna o nella sua provincia e volete contribuire a segnalare il vostro glicine in fiore potete inviare una mail a diverdeinverde@fondazionevillaghigi.it

Questo è il nostro glicine, che dite inviamo anche noi la segnalazione per implementare la mappa?

23 pensieri riguardo “La mappa dei glicini in Valsamoggia

  1. Mi sono sempre piaciute le piante di glicine, abbracciate a balconi o poste ad ombreggiare gazebo o tettoie. Ho provato più volte a piantarle, senza alcun successo. Molto interessante il sito internet che ti orienta alla ricerca di bellezza. Da tener presente!

    Piace a 1 persona

  2. Ho scoperto proprio a Londra il glicine, in alcune zone si può ammirare in tutta la sua bellezza tanto da creare la Wisteria Hysteria (l’isteria per il glicine) che affligge un po’ tutti gli amanti di questo fiore, compresa me!
    Non credevo che anche in Italia ci fossero aree dove fosse molto popolare e si potesse ammirare.

    Piace a 1 persona

  3. Ma è fantastica quest’idea della mappa dei glicini! Sarebbe da copiare anche in altri luoghi. La fioritura dei glicini è per me tra le più belle. Non sapevo che ci fossero due varietà più comuni, non ho mai fatto caso alle diversità da te descritte. Da ora in poi starò più attenta nell’osservare questa bellissima pianta.

    Piace a 1 persona

Rispondi a Ste Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...