Cesena e Pinarella di Cervia

Finalmente è arrivata la primavera!!

In occasione delle giornate dal FAI (Fondo Ambiente Italiano) decidiamo di passare due giornate all’aria aperta (dopo il torpore invernale).
Prepariamo il camper e sabato mattina partiamo alla volta di Cesena città malatestiana.
Il programma della giornata:
Mattina: visita alla fiera dell’Antiquariato
Pomeriggio: dedicato alla visita del centro storico di Cesena.

Il camper lo parcheggiamo in viale della Resistenza dopo il ponte Europa Unita, poi a piedi ci incamminiamo verso P.zza del Popolo dove alle 16.30 abbiamo prenotato la visita guidata con i volontari del FAI alla Rocca Malatestiana.

  

Piazza del Popolo Cesena
Piazza del Popolo Cesena

La piazza è piccola ma molto carina; nel centro è allocata la Fontana Masini tutta in pietra bianca.

Fontana Masini Cesena
Fontana Masini Cesena

Imbocchiamo il portone ad arco che da l’accesso alla gradinata che ci porterà fin su in cima alla Rocca Malatestiana.

Rocca Malatestiana
Rocca Malatestiana

La visita è tenuta da alcuni ragazzi di istituti superiori di Cesena ed è svolta in forma di rappresentazione di un momento della vita del più famoso dei Malatesta il Novello mentre decide di fortificare la Rocca accompagnandoci lungo i suoi camminamenti. Così scopriamo che durante la seconda guerra mondiale un torrione della rocca è stato utilizzato come prigione dai tedeschi. Sempre in forma di commedia ci viene raccontata la storia della liberazione di alcuni partigiani che erano prigionieri dei tedeschi nelle carceri. I ragazzi delle scuole sono stati veramente molto gradevoli.

Finita la visita scendiamo a piedi verso P.zza del Popolo e ci incamminiamo verso la Biblioteca Malatestiana dove ci attende la seconda visita guidata FAI.
Anche qui ci attendono i ragazzi delle scuole superiori (tra cui un istituto d’arte) dove, attraverso una loro particolare rappresentazione teatrale, ci illustrano la storia di Malatesta Novello, signore di Cesena, e ci accompagnano a visitare l’antica biblioteca Malatestiana. Sul portale d’ingresso alla biblioteca campeggia un elefante simbolo dei Malatesta (che rappresenta potenza e longevità. La porta di legno scura è del 1454 ed è opera di Cristoforo da San Giovanni in Persiceto.
Quando si entra nella vecchia biblioteca (che custodisce ancora oggi testi originali del periodo) sembra di entrare in una chiesa.
La biblioteca ha una pianta a tre navate con copertura a volte, nelle navate laterali vi sono gli scrittoi a cui sono legati attraverso catene i volumi antichi.

Biblioteca Malatestiana
Biblioteca Malatestiana

Al grido “Arrivano i Francesi, i Francesi!!!!” i ragazzi ci attirano nell’attigua Aula Magna, grande sala destinata ad incontri ed attività culturali. Qui termina la nostra visita non prima che i ragazzi ci informino che durante il periodo Napoleonico i francesi occuparono la biblioteca per destinarla a stalla e ricovero per i soldati spostando tutti i libri antichi che per fortuna furono conservati presso il Comune.

Bella esperienza e bravi i ragazzi che ci hanno accompagnato in questa visita davvero interessante.

La domenica la trascorriamo a Pinarella di Cervia, dove si svolge la Sagra della Seppia.

Pinarella di Cervia spiaggia
Pinarella di Cervia spiaggia

Passeggiamo tra i banchetti del mercatino dislocato lungo la via principale e poi facciamo una lunga passeggiata lungo la spiaggia. Bellissimo il mare in primavera!

Il week end volge al termine, in serata rientriamo a Bologna accompagnati da un tramonto stupendo.

19 e 20 marzo 2016

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...